Altro sabato sera, altra serata di bagordi e altra domenica mattina da “raccolta dei cocci”. Al-di-la di alcune attenuanti (la diseducazione dilagante, il disagio giovanile acutizzato dalle misure di contenimento della pandemia…) non si può più fare finta di niente davanti a questi immagini che stanno diventando la regola. Malgrado le lamentele anche degli operatori stessi, l’esecutivo non ha previsto alcuna misura specifica per evitare questi scenari (ad eccezione del ripristino del decoro), motivando con la questione economica la volontà di non implementare maggiori controlli.

Eppure i fondi per installare un sistema di videosorveglianza su tutto il territorio del comune (costo di quasi 800’000) sono stati trovati! E non sembra avere avuto dei grandi effetti deterrenti…

I quasi 5 milioni di franchi per la costruzione grezza degli uffici nella nuova stazione ci sono (benché manchi una destinazione chiara per il loro utilizzo)…

Prima di voler fare grandi discorsi pianificatori per “consolidare le potenzialità di abbellimento e sfruttamento degli spazi del lungolago muraltese”, bisogna che vengano garantiti i servizi di base quali gestione dei rifiuti (magari semplicemente aumentando la dimensione dei cestini) e la sicurezza (controlli sulle 24 ore) che altrimenti renderebbero vani quegli investimenti.

E visto l’attuale livello vanno assolutamente migliorati.

Muralto democratica

Dao Nguyen-Quang

Candito di Muralto democratica a Municipio e Consiglio comunale